Per il mio compleanno ho ricevuto un regalo inaspettato da mia sorella: una fuga a Capri! In questo post, vi segnalo 10 cose da fare assolutamente nell’isola più amata del Golfo di Napoli.

Capri è una perla del Mediterraneo: isola musa di poeti ed artisti, alla moda, frivola eppure semplicemente magnifica. Con i suoi panorami da togliere il fiato si iscrive tra le destinazioni da sogno (e di lusso) di italiani e stranieri. Sembra, infatti, che Capri sia parte di un immaginario moderno in cui la vita è bella e l’amore vince su tutto. Ecco perché sono sempre di più le coppie che decidono di sposarsi in questo luogo magico.

Capri può essere raggiunta soltanto attraverso aliscafo o traghetto sia da Sorrento che dal Molo Beverello di Napoli con collegamenti quasi orari. Il costo da Napoli si aggira attorno ai 22 euro per l’aliscafo a persona mentre, per i bagagli, bisogna prevedere un costo aggiuntivo di 1,20 euro circa. Il tempo di percorrenza è di un’ora. Una volta giunti al porto di Marina Grande per giungere a Capri e nella sua celeberrima piazzetta ci si può servire della funicolare o di un taxi.

Noi avevamo il nostro autista privato che, una volta concordato l’orario, ci è venuto a prendere al porto per portarci in quello che sarebbe stato il nostro alloggio: l’Hotel Carmencita ad Anacapri. Scegliere un hotel con piscina è la soluzione migliore a Capri perché le spiagge come siamo abituati ad intenderle sono piuttosto impervie. La spiaggia più celebre è quella di Marina Piccola.

Cosa fare una volta giunti a Capri?

1)   1 Prendere uno dei taxi scoperti e partire alla volta delle strettissime stradine dell’isola –  Si tratta di auto Fiat marea rese decappottabili. I taxi a Capri sono un valido modo per spostarsi (soprattutto se da Anacapri dovete raggiungere Marina Grande) ma, mettete in conto di non spendere poco! Però, ne vale la pena.

2)    2  Farsi accompagnare in un tour dell’isola vista dal mare – Non si può dire di essere stati a Capri se non la si vede dal mare. Soltanto così, infatti, si possono ammirare le magnifiche grotte, l’acqua limpida e le varie caratteristiche dell’isola. Nel nostro tour siamo stati accompagnati da You know! boat e da un simpatico marinaio che, con pazienza e professionalità, ci ha fatto conoscere meglio l’isola. Dalla grotta dell’amore (chiamata così per via di un cuore che si è formato nella roccia) a quella azzurra, passando per il faro e lo scugnizzo (una statua adagiata su uno scoglio altissimo). Non sono mancati tuffi in acque cristalline.

3)      3 È immancabile il passaggio sotto i Faraglioni in barca con immancabile sosta foto – Sapevate che si narra che su di uno di essi viva una lucertola blu che, però, nessuno ha mai avuto il piacere di vedere?

4)   4   Mangiare un gelato su cialda realizzata al momento – la cosa che amo di più del gelato artigianale è la cialda e quella della gelateria Buonocore, a pochi passi dalla Piazzetta. Si può scegliere tra diversi gusti che vanno serviti su cialda calda preparata al momento.

5)    5  Perdersi nella bellezza dei giardini di Augusto – In questi meravigliosi giardini, accessibili al costo di 1 euro, troverete una vegetazione lussureggiante ma, soprattutto, la vista più bella di Capri: mare limpido, rocce a strapiombo e gli immancabili Faraglioni.

6)    6  Assaporare la vera essenza dell’isola ad Anacapri – non lontano dallo snob Comune principale, sorge Anacapri con le sue case bianche, i vicoletti, le ville e le chiese. È proprio in questo comune che, a mio avviso, si respira la vera essenza di Capri. Da non perdere la Chiesa di San Michele con il suo Mosaico e la villa dello scrittore Axel Munthe.  Il nostro hotel era localizzato a due passi dal centro di Anacapri.

7)    7  Cenare in un ristorante all’aperto – per la cena del mio compleanno ci siamo accomodati in terrazza al ristorante Isidoro. Tra i piatti alla carta non ci siamo allontanati dalla tradizione: tra insalata caprese, ravioli capresi e fritto di paranza.

8)    8  Acquistare una campanella di Capri – dietro a questo oggetto si cela una storia legata a San Michele e ad un bambino che aveva perso la sua pecora. La campanella, simbolo dell’isola, porta fortuna quando la si suona. Noi le abbiamo acquistate come souvenir a Marina Grande,  al negozio Capri Bell. Tra le altre tipicità gli immancabili sandali artigianali.

N.B.

  • L’Hotel Carmencita si trova in Viale T. De Tommaso 4, Anacapri. Prenotando sul sito internet si hanno sconti vantaggiosi.
  • You Know! Boat propone escursioni in barca in base alle tue esigenze, sia a Capri che in Costiera Amalfitana e Sorrentina.
  • Scopri di più su Grace’s Trips.

Riproduzione riservata

Annunci