Eccomi qua con il reportage di due mesi fatto sulla base che pubblico sul mio profilo Instagram, il social che ormai è fondamentale per decretare chi è Influencer e chi non lo è.

Devo ammettere che ho ancora pochi seguaci su Instagram però, ne vado fiera. Questo perché ho la fortuna di avere tutti follower reali, che non aumentano di migliaia e migliaia da un giorno all’altro. Purtroppo il fenomeno dei finti influencer è vivo e reale persino in una piccola città come Avellino. Ad ogni modo, mi piace ricapitolare i mesi trascorsi attraverso le foto più “cuorate” (passatemi il termine).

Quelle che ho notato riscuotono un successo maggiore sono sicuramente i paesaggi.  Come in questo scatto. Sembrava di stare a silent hill, con una nebbia che “si tagliava con il coltello”. Invece, era il giorno di Pasquetta e ci trovavamo sul Monte Partenio.

insta-month-1

Una panchina vuota, il mare a fare da sfondo, la pioggia. Uno scenario che mi ha trasmesso solitudine.

solitudine-sorrento

Il blu del mare si confonde  con l’azzurro del cielo mentre lo strapiombo sembra quasi cedere: è la Costiera Sorrentina ragazzi!

vico equense

Anche gli scatti “autocelebrativi” non vanno male!  Come questo collage outfit.

fendi bag

Il 26 marzo abbiamo avuto la fortuna di conoscere Edoardo Calcutta e di sentirlo suonare al Morgana Music Club di Benevento.

edoardo-calcutta-benevento

Vi lascio con la colonna sonora delle mie giornate che non poteva essere che “Cosa mi manchi a fare” di Calcutta.

Se vi va, seguitemi su Instagram digitando @ritatalks!

Riproduzione riservata