Siamo già a dicembre, ma che davvero? Facciamo insieme un piccolo recap del mese appena trascorso con una serie di immagini che ho pubblicato sul mio account Instagram.

peanuts-fonte-pinterest

Ogni primo di dicembre sin da quando ero piccola, mi piace appendere il mio calendarietto dell’Avvento per contare i giorni che mi separano dal Natale. Un anno però, era il primo dicembre, il mio caro nonno venne a mancare. Che vuoto che ha lasciato ragazzi! Da allora, sembra che le cose abbiano preso una piega diversa, che il mondo che conoscevo (vi parlo di 16 anni fa) fosse cambiato per sempre.

Oggi primo dicembre mi ritrovo a scrivere in questo spazio virtuale, a volte quasi terapeutico. Il mese di novembre è stato strano, anche nel mondo. Dopo i fatti di Parigi il globo ha finalmente capito, o quasi, che la guerra è reale e ogni giorno e non soltanto nel Bataclan, muoiono tante persone innocenti.

Passando per cose più futili, per combattere lo stress ho provato una cosa che pare sia molto di moda: colorare! Funziona? Mmmm diciamo di sì!
cat-therapy-colouring-book

Presa dalla novità sono andata a mangiare a “Casa Clerici”. Arredamento ed ambientazione perfetti ma il cibo…lascia davvero a desiderare. Cara Antonella, non puoi portare piatti surgelati come la pasta in una regione dove il primo piatto è un cult! Rivedi il menu e poi ne riparliamo.

casa-clerici

Vi piace la camicia che si abbina perfettamente alla box L’Occitane en Provence?

occitane-en-provence

E il blu navy, direi che è stato proprio il colore del mese. L’ha scelto anche la mia modella campana preferita che ho avuto il piacere di rincontrare al lavoro: Lis Kedma.

lis-kedma

Che vita sarebbe senza un cucciolo che ha sempre fame? Ecco Maya che quando si mangia in casa accorre come un fulmine sperando in qualche bocconcino.

maya-puppy-dog

Riproduzione riservata